09.04.2017 Arezzo: presentazione corsi S.I.A. - SIA Sistema Italiano Autodifesa

Vai ai contenuti

Menu principale:

09.04.2017 Arezzo: presentazione corsi S.I.A.

Eventi
    


Grande successo ed interesse in occasione del seminario e conferenza per la presentazione del S.I.A. il Sistema Italiano di Autodifesa che si è tenuto il giorno 9 aprile 2017 ad Arezzo.





Il fondatore del SISTEMA, il M° Antonio Corrias, ha ufficializzato al grande pubblico il S.I.A., un Sistema globale di autodifesa "made in Italy" che fa tesoro e capitalizza tutto il nostro retaggio storico e culturale legato all'argomento "difesa".
Il Sistema è già da alcuni anni regolarmente registrato e coperto da copyright, con l'intento di fornire un'ulteriore valore aggiunto a tutti coloro che si avvicinano o si avvicineranno al metodo di apprendimento sia in veste di privati cittadini, aspiranti istruttori,  istituzioni o personale interessato al settore.

Molti gli intervenuti all'evento che era così strutturato:


SVOLGIMENTO PARTE TEORICA


ore 10:00 - discorso di apertura:
struttura del S.I.A., obbiettivi, ambiti e settori operativi, corso nazionale istruttori - relatore: Antonio Corrias







     ore 10:30 - psicologia militare in situazioni di emergenza - relatore: Cap. Fabio Fedeli








ore 11:15 - Procedimenti tecnico-tattici e d'impiego operativo relativi alla sopravvivenza, all'orientamento topografico e al combattimento nei centri abitati (C.Q.B.) -  relatore: Col. Carlo Lenti







ore 12:00 la Tradizione Militare Italiana (TMI) Gli "Arditi" il primo Reparto Speciale nella storia - relatore: Prof. Antonio Merendoni








ore 13:15 - Pausa pranzo presso l'ottimo Ristorante GATE 21 ubicato all'interno dello stadio aretino





SVOLGIMENTO PARTE PRATICA


ad aprire la sessione di addestramento pratico il Colonnello Carlo Lenti
già  Incursore del IX Reggimento d'Assalto Paracadutisti "Col Moschin"







il Prof. Antonio Merendoni in una fase della lezione pratica di difesa coltello con coltello
ore 16:30 Tradizione Militare Italiana: laccio e pugnale Metodo Arditi 1917 a cura del Prof. Antonio Merendoni







il fondatore del S.I.A. - M° Antonio Corrias
ore 17:30 Difesa personale a mani nude,  tecniche di immobilizzazione e disarmo a cura C.I. Antonio Corrias e Roberto Galbignani







L'istruttore Roberto Galbignani con l'istruttore Alessandro Omarini in una fase di disarmo da aggressione con coltello

ore 18:30 Consegna diplomi di partecipazione -valido come credito formativo corso istruttori S.I.A.




Il M° Antonio Corrias ha avuto così modo di poter esporre e soprattutto spiegare il perchè del nome "SISTEMA S.I.A.": il S.I.A. prende in esame tutte le situazioni di potenziale rischio che si possono venir a creare in concomitanza di calamità naturali, aggressioni individuali o di gruppo, stalking, bullismo, attacco terroristico, rapina, scippo, tentativo di sottrazione dell'arma ecc.;  il S.I.A. deve la sua denominazione in quanto "Sistema Integrato" da tutti quei settori che devono necessariamente costituire il bagaglio tecnico e culturale di tutti coloro che desiderano realmente approcciare il tema dell'autodifesa.
Quindi "sistema" in quanto comprendente al suo interno programmi didattici volti a formare il discente a 360°, dalle tecniche di survival a quelle di primo soccorso, dalle tecniche di utilizzo del coltello, del bastone ecc alla sua conseguente difesa, alle tecniche di tiro operativo.
Allenamento, addestramento ed acquisizione delle nozioni necessarie guidate anche dall'assunzione dei basilari strumenti psicologici focalizzati alla specificità del tema dell'autodifesa trattato. Ugualmente dicasi per la farmacologia di settore, ovvero istruzione relativa alla capacità di riconoscimento di aggressori ulteriormente alterati dall'assunzione di sostanze psicotrope.
.... e soprattutto S.I.A. è un Sistema Italiano: italiano in quanto le sue radici attingono dalla nostra cultura militare, il cui studio storico ci porta a comprendere come nelle varie epoche, i militari italiani in quanto conosciuti e ammirati per le proprie abilità nel combattimento siano stati chiamati ad istruire nel mondo altri reparti di elite e speciali..... ma anche "italiano" in quanto pienamente rispondente e compatibile con il nostro sistema giuridico.
Dopo questo primo approccio il S.I.A. pur avendo già istruttori sul territorio nazionale viste le richieste, ne inizierà a breve la diffusione in maniera più strutturata e capillare.
Per gli aspiranti istruttori, oltre alla garanzia legata al S.I.A. e al suo logo in quanto marchi registrati, sono in atto ulteriori fasi per il riconoscimento in ambito istituzionale.
Oltre ai docenti presenti per l'evento, Colonnello Carlo Lenti (survival e CQB), Capitano Fabio Fedeli (psicologia militare), Prof. Antonio Merendoni (storico militare ed esperto di coltello e pugnale), Roberto Galbignani (disarmo da pistola), Prof. Simonetta Nocciolini (settore antibullismo nelle scuole), dr. Valentina Fabbrini (farmacologia e sostanze psicotrope), assente, ma virtualmente presente l'avv.to Francesca Vanni per gli aspetti giuridici.


Assente, ma virtualmente presente l'avv.to Francesca Vanni per gli aspetti giuridici. Graditissima la visita dell'amico Riccardo Rudilosso, campione mondiale di combattimento scherma antica e storica e la partnership con l'azienda leader mondiale nel settore delle lame nonchè fornitrice dei corpi speciali e di elite italiani "Extrema Ratio" (link nella sezione "partner" del sito).

Il S.I.A. come sistema poliedrico che abbraccia tutti i settori legati alla sicurezza ma che nel contempo si propone anche di fare cultura attraverso lo studio delle nostre tradizioni come pure di aggregazione nel momento in cui il survival in versione adattata, può assumere la funzione di far conoscere ai ragazzi ma anche agli adulti, la natura, le capacità di orientamento notturno e diurno, l'attraversamento di un corso d'acqua o la discesa da una parete ecc.
Per motivi personali era assente il Colonnello pilota (AUS) Riccardo Donati, consulente per il settore shooting.
A brevissimo la partenza del nuovo corso istruttori S.I.A. Ulteriori notizie disponibili sul nostro sito; nel frattempo proseguono ad Arezzo i corsi presso la palestra Hombu-dojo (settore civile) - iscrizioni aperte.



FOTO GALLERY

 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu